La lunga vita dell’elettroshock – nei meandri della salute pubblica

Di Maurizio Mequio Sfoglia l’inchiesta… Da una collaborazione di Profecta con il giornalista freelance Maurizio Mequio, è nata una pubblicazione online. Un’inchiesta di attualità su una sezione difficile della sanità italiana, quella psichiatrica. Il documento raccoglie quattro articoli apparsi sul quotidiano Dazebao dal 31/10/08 al 3/11/08 e ruota attorno alla pratica dell’elettroshock, mai interrotta in … Continua a leggere

Studio dell’Astra Ricerche, giornalisti incompetenti, falsi e corrotti

di Maurizio Mequio -Pubblicato su Liberazione Quel maledetto mondo dei giornalisti. La loro immagine, la loro utilità, questi i temi della ricerca presentata oggi dalla società Astra Ricerche. Bugiardi, corrotti e incompetenti. L’indagine, commissionata dall’Odg della Lombardia parla chiaro e fa tremare tutto il sistema dell’informazione italiana. “È la prima volta in Italia – afferma … Continua a leggere

La relazione Dia: ‘ndrangheta leader delle droghe, camorra in stile gangster

Di Maurizio Mequio -Pubblicato su Liberazione Il crimine è ormai globale e si nutre di affari e connivenze E’ un essere immondo, la mafia. Prende botte, ma si riorganizza. Cambia forma e si rilancia, grazie ai suoi “nuovi” alleati: gli imprenditori e le organizzazioni del crimine straniere. Questo emerge dal rapporto della Direzione investigativa antimafia, … Continua a leggere

Bandiera arcobaleno vietata. La risposta di Padre Alex Zanotelli

Di Maurizio Mequio -Pubblicato su Liberazione «Quella bandiera vuol dire pace Cara Verona, è assurdo vietarla» Bandiere arcobaleno in una manifestazione per la pace contro la guerra in Iraq -Impronte I colori dell’arcobaleno devono essere banditi dalle piazze. Incredibile, ma vero. E’ successo a Verona, dove la giunta del sindaco Tosi ha aspettato cento giorni … Continua a leggere

A Castelvolturno “indecisione” sui funerali

Di Maurizio Mequio -Pubblicato su Liberazione Caserta, muoiono due agenti inviati per “la sicurezza” Castel Volturno, la rabbia dei migranti per l´omicidio dei sei nordafricani Ansa/Fusco Il gelo, il silenzio. E nuovamente morti. Questo è il casertano a otto giorni da una strage. Una strage che lascia i segni del dolore. Della camorra. Due agenti … Continua a leggere

Dalla scuola all’integrazione, fino al lavoro: l’Italia dei tagli, ha tagliato la vita dei più giovani

di Maurizio Mequio -Pubblicato su Dazebao In bocca al lupo. Essere under 30 in Italia significa camminare sull’orlo del burrone, con tanta brava gente che cerca di spingerti giù. Hai 12-14 anni, sei un bullo. Altro che aumento dell’obbligo scolastico, per te la magnifica ricetta Gelmini. Beccati il maestro unico e se sarai fortunato avrai … Continua a leggere

Primo giorno di scuola ed è subito protesta

Di Maurizio Mequio -Pubblicato su Liberazione Per chi suona la campanella? «Suona per te», citando John Donne. Primo giorno di scuola nella maggior parte delle città italiane e subito proteste. Vestito a lutto il personale docenti fiorentino, corteo spontaneo composto da mille persone nel centro di Genova e ragazzi in mutande con orecchie d’asino a … Continua a leggere

Catanzaro, gay e sieropositivo violentato e picchiato dai compagni di cella

di Maurizio Mequio -Pubblicato su Liberazione Stuprato da più detenuti, “punito” con l’isolamento Un incubo infernale: stuprato, picchiato e messo in isolamento. E’ omosessuale e ha l’Aids. Quaranta anni, calabrese e una fragilità di cristallo. Orfano di tutti e due i genitori, si ritrova in una cella a Catanzaro, senza aver subito un processo, senza … Continua a leggere

Rom, dai campi abusivi alla strada: “bambini violentati dalla politica”

Di Maurizio Mequio -Pubblicato su Liberazione Milano e Roma: a sgomberi e impronte non seguono le reiscrizioni dei bimbi rom e sinti nelle scuole Si avvicina il primo giorno di scuola, ma non per tutti. La politica delle impronte digitali e degli sgomberi ha prodotto la sua prima vittima: la scolarizzazione dei bambini e delle … Continua a leggere

Rapina in convento. Frati in ospedale: uno è gravissimo

M.M. Violenza brutale nel convento di San Colombano Belmonte, in provincia di Torino: tre rapinatori col volto coperto hanno preso a bastonate quattro frati riducendone uno quasi in fin di vita. Poi li hanno derubati. Il massacro risale a martedì, erano circa le nove di sera. «Siamo stati legati e imbavagliati. Abbiamo subito una violenza … Continua a leggere