Il cicchetto di uno scrutatore

-Me lo dai un cicchetto?

-Che t’è successo Niné?

-Domani se vota… Tacci loro!

-Perché?

-E’ ‘n casino, qua stanno tutti fori coll’accuso! Mica se n’accorgono che se stamo a rosicà le briciole. C’è la crisi e che fa la gente? Se fumenta pe’ ‘na lettera che je promette du’ piotte de’ rimborso Imu.

-Beh, so’ bone no?

-Bone ‘n cazzo! E’ come si vengo qua, te chiedo ‘na biretta, questa me costa soli due euri e poi me fai pagà quattro euri de coperto. M’hai fatto contento e cojonato. E nun finisce qui…

-Te vedo innervosito..

-C’hai preso bene! Me rode, te me conosci, io so’ ‘n semplice operaio. Tutte le matine alle sei te vengo a batte er caffè, poi però me spezzo la schiena. Rientro a casa alle sette e me coccolo mi moje. C’ho solo un sogno: avecce ‘n fijo. Me chiedo: che me manca pe’ annà ‘n parlamento? Me manca d’esse fijo de ‘na mignotta! Ecco che me manca!

-Perché non te sei fatto grillino?

-Io non so ‘n cojone. Se nun voto per uno che è più delinquente de me, posso votà pe’ ‘n buffone? Ma t’oo ricordi quanno stava ‘n televisione, è ‘n comico, come Crozza. Nun è mica Charli Chaplin.

-Vota ‘Ngroia!

-Ah! O conosci er gioco dee tre carte? C’è ‘n napoletano che te fa vedé ‘sempre ‘a stessa bella carta, ma poi quanno sceji ce trovi Di Pietro, Ferrero e quarche due de spade.

-Allora?

-Noi semo de vecchio stampo, sapemo tirà la cinta. Quanno stavo ‘n cassa integrazione, nun ho fumato, mi moje annava ar discount. Me magnavo la pasta ar sugo, sartavo er secondo. Me spostavo coi mezzi. Me dimenavo, volevo fa le cose. Non ho mai pensato che queste me cadessero dall’arto.

-Ah Niné, te sei comunista, nun me dì che voti Pd?

-Io penso solo che se ‘n se forma un governo stabile è come se ar volante voi girà a sinistra e le rote tendono a destra. Dicono tutti che è già scritto: Bersani sa’ a fa con’ Monti. Io voto Vendola. Se c’haa fanno c’avremo un governo socialista, se poi cercano er bastone, sarò er primo a dì che ho sbajato.

-‘Nsomma voti la merda che puzza meno? Come sei diventato vecchio!

-Ma io che ce posso fa si a scola a gente ha studiato come ce se trucca, come se’mbroja, come s’appare fighi e quanno sta a casa nun s’è mai chiesta da dove arriva er pane che se magna? Che ce posso fa si l’italiani so tutti de destra? Io pe’ tutti so n’imbriacone, ‘n poveraccio. Io so ‘n comunista che s’è rotto er cazzo de fa finta de niente. D’urlà come ‘n cretino! O sai che c’è, vorrei esse francese. C’avrei Hollande. E da lì poi riparto. Mejo contestà un mezzo compagno, che esse governati da’n venditore de pentole o da’n banchiere. A’n mezzo compagno je poi dì traditore, ma all’artri qualunque cosa je dirai, loro te diranno: “A’mbecille, me c’hai messo tu qua, ma che te credevi davero che c’avevamo a bacchetta magica. Io t’ho o sempre detto che pe’ me te nun sei niente, vali ‘na caccola de formica, piagni piagni. Brutta zecchetta colla tosse!”.

-Vendola? Ma è frocio?

-Ma vaffanculo a te e a ‘sto cicchetto! Vado a fà lo scrutinatore, pe arzà du’ piotte. Pe vedette ‘n faccia quanno voti. Pe’ tornà a casa da mi moje e regalaje quarcosa. Alla fine o sai che c’è, è corpa nostra. Na chiacchierata nun vale ‘n cazzo.

-Niné tranquillo, io nun voto.

-Bravo, bravo. Fai come quello che c’ha le corna e dice: basta non vedello!

-Sò tutti ladri!

-Ma te? Te che mai ‘na vorta m’hai fatto ‘no scontrino… Te ricordi quanno eravamo ragazzini, se uno ‘n c’aveva la merenda je davamo ‘n pezzetto della nostra. Se uno stava male, ‘aaiutavamo. Si’n c’erano le porte pe giocà a carcio s’adattavamo co’ dei sassetti. Sto voto a dice tutta. E’ ‘n voto de resistenza. Liberamose e poi vedemo. Ma si’n se liberamo che voi vedé? I Cesaroni? Ma che paese je lasciamo ai giovani? ‘N paese de’vecchi, ‘de stronzi, ‘de cazzari. Forse dovevamo esse come à Grecia, allora sì che e sentivamo ste elezioni. Ma io me meravijo de quelli come te! Noi avemo sofferto, ma che davero davero dovemo dovemo restà ‘n mutande pe’ sentisse male?

-Boh, mo ce penso.

-Così me piaci. E ricorda, io so uno onesto, si al seggio quarcuno fa lo stronzo io so corretto. Ma da n’artra parte, si quarcuno sgancia dieci euro secondo te noo chiude ‘n’occhio? Ecco, nun se famo comprà! C’avemo tutti ‘na dignità. E se io che so n’operaio nun posso sta ‘n parlamento, devo fa ‘n modo che mi fio, ‘n fio de n’operaio, tra dieci anni ce possa sta ‘n parlamento. Ma no co ‘na lista civica. Co delle idee, co’ ‘n’educazione, cò dei valori. E cazzo, daje ste cose è compito mio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: