Le persone prima dei profitti

Il movimento operaio e la sinistra rivoluzionaria in Inghilterra

di Marco Piracci con introduzione di Maurizio Mequio

148 pp. 15,00€

Edizioni Lampi di stampa-Tutti autori/Red Point

“Non a caso oggi, non a caso in Italia, questo testo trova il suo naturale bisogno d’esserci. La desertificazione della voce opposta, la discriminazione dell’altro, la creazione ad arte di due realtà identiche che vogliono apparire leggermente ineguali, sono familiari al Belpaese che, uscito da Tangentopoli, si è scontrato con il Beltrusconismo. La crisi del comunismo italiano e l’abbassamento dei dibattiti sul diritto al lavoro, e sui diritti dei lavoratori, portano a guardare altrove, per riflettere su quel che sarà della nostra voglia di politica. Ed è così che ci si imbatte in una politica d’opposizione, fatta da gente comune, fuori dal Palazzo. La politica della sinistra inglese, la politica della minoranza. E si resta stupiti, spaesati, commossi. L’uomo del carbone che inventa lo sciopero, lo rianima, lo colora, è questa la nostra radice culturale. È questa la poesia alla quale ogni essere umano dovrebbe essere formato. Lui, il lavoratore stanco, che insieme ad altri colleghi esausti dal turno decine di metri sotto il livello del suolo, emerge dagli inferi e corre a prendere il treno, per raggiungere la manifestazione di altri operai, forse impiegati in un altro settore. Va lontano da casa, dalla sua città, a guadagnarsi la sua lotta, insieme ai compagni. Oppure l’immagine forte, viscerale, vitale, dei ragazzi chiusi nelle fabbriche, che infrangono la legge, quella disumana che impedisce loro di scioperare e danno vita al luddismo. Il “ludico” sfogo della classe operaia che, prima di andare in Paradiso, fa sentire la sua voce e distrugge le macchine del padrone. Poi si aprono gli occhi e si smette di sognare. È un amaro risveglio, quello di chi ha riposto le proprie speranze nel Laburismo di governo. Ed è ancora qui che Piracci richiama l’attenzione del lettore, portandola altrove. Lo conduce alla genesi continua e inaspettata dell’alternativa. Prima otto persone, poi tremila, poi duecentocinquantamila e poi ancora poche decine e poi migliaia: l’autore descrive con coraggio l’arcipelago dell’estrema sinistra d’Oltremanica. Dice: guarda anche lì e prova a specchiartici. Non contano i numeri per avere un deputato in Parlamento, è qualcos’altro a contare. La gente. Non è la politica che fa la gente, ma la gente che fa la politica”. Dall’introduzione di Maurizio Mequio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: