Alitalia, il Cav insiste sulla Cai, ma i sindacati fanno muro

Epifani chiama una cordata straniera (Lufthansa), il Pd non sa che dire
Di Maurizio Mequio -Pubblicato su Liberazione

Un uomo sull’orlo di una crisi di nervi, Berlusconi, che grida il suo “O Cai o morte”. Scenari bloccati sul fronte Alitalia e un’unica via di salvezza per il Premier: evitare il fallimento personale. «Non c’è nessuna possibilità che si presentino altri soggetti alla cordata», assicura Berlusconi. «Credo che gli italiani siano buoni giudici per capire da che parte stia la colpa se non si è riusciti a trovare immediatamente una soluzione». Silvio attacca tutti. Tuona contro chi ha fatto saltare l’accordo e contro chi ne ha gioito. Sui sindacati: «Hanno proposto di ricominciare tutto da capo, chiedendo cose che nessuna compagnia al mondo può accettare». Sulle richieste dei piloti: «Inaccettabili, la loro categoria non si può gestire da sola ma deve sottostare alle normali direzioni che sono affidate agli amministratori e ai manager della società». E sui manifestanti: «Sono suggestionati dalla sinistra. Quell’immagine – si riferisce agli applausi di Fiumicino all’annuncio del ritiro dell’offerta – non è piaciuta in generale, non è piaciuta a noi, né alla stragrande maggioranza degli italiani». E motiva: «Visto lo sforzo generoso di un gruppo di imprenditori italiani pronti a investire per il Paese, non è stato certamente un bel vedere». Da buon giocatore di Texas Hold’em, finge di non sapere di essere stato scoperto con sola mezza figura in mano, spaventa gli avversari e poi rilancia con prepotenza: «Senza il buon senso si va dritti al fallimento. Confido nella responsabilità degli uomini e auspico un ravvedimento da parte di coloro hanno posizioni irrazionali». Fredda la precisazione di Sacconi: «Al tavolo ci si torna solo per firmare». Crea un solco Berlusconi, tra sé e il mondo del lavoro. L’Anpac gli replica a nome dei piloti: «Ci hanno proposto un contratto peggio di quello delle colf, chiediamo solo che i nostri contratti siano uniformati a quelli in vigore nelle altre compagnie europee». Doccia fredda al centro-destra anche da parte degli assistenti di volo: «L’Anpav – l’associazione che venerdì aveva dato disponibilità a firmare l’accordo quadro – pagherà sindacalmente la sua decisione», afferma Sdl, che spiega: «Hostess e steward sono senz’altro più rappresentati da Sdl e Avia, che insieme rappresentano quasi l’80% della categoria». A Fiumicino ancora assemblea davanti al varco equipaggi e 200 lavoratori che ribadiscono: «Rimaniamo compatti sul no a quello che finora ci ha proposto Cai». Epifani, leader della Cgil, aveva richiamato Fantozzi a fare il suo dovere di commissario: cercare nuove soluzioni. Il sindacalista in un’intervista a Repubblica aveva proposto la vendita agli stranieri, sbilanciandosi: «Preferirei a Lufthansa». Della stessa opinione Paolo Ferrero, segretario del Prc: «Invece di continuare a giocare a poker, Berlusconi faccia l’unica cosa che può e deve fare, e cioè aprire una trattativa vera e seria con dei partner esteri che sono in campo e sono interessati a rilevare Alitalia, rilanciarla e varare un vero piano industriale». Unico reale segnale di cedimento dal blocco di opposizione al gioco del Premier, la schizofrenia del Pd, che con Enrico Letta dichiara: «Le responsabilità di questo governo sono grandi. Nonostante questo speriamo in un accordo con la Cai e speriamo che arrivi nelle prossime ore». Secondo parte del Pd, quella presentata nei giorni scorsi da Colaninno&Co sarebbe «l’unica possibilità sul terreno». Bersani, invece, sostiene che ci vorrebbe un’alternativa: «Mi rifiuto di credere che il governo non abbia un piano B».

Annunci
Comments
One Response to “Alitalia, il Cav insiste sulla Cai, ma i sindacati fanno muro”
  1. puffacchio ha detto:

    in effetti il piano b è già operarante ed è davanti agli occhi di tutti:
    piano a – i debiti sono nazionalizzati (il buon caro vecchio pantalone) e le attività le compra cai
    piano b – è colpa dei sindacati.

    a questo punto vediamo chi gioca meglio a poker

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: