Gilbert e George: La Grande Mostra

gilbert_e_george.jpg

 

Castello Rivoli, Torino, resterà fino al 13 gennaio il Teatro dei doppi: lo specchio scandaloso della società contemporanea. E’ in chiusura la “Grande Mostra”, la più grande raccolta di opere dei due artisti Gilbert e Gorge, o meglio Gilbert&George. La loro firma è una sintesi del loro percorso, due statue viventi che si propongono, si incontrano, si sommano ai materiali e si incorniciano. Partecipando l’uno dell’altro investono con un linguaggio irraggiungibilmente “nuovo” lo spettatore. Lo invitano ad entrare nell’opera. A girarsela fino a sentirsene parte. Frutto di una descrizione schietta della realtà, l’arte del geniale duo crea i presupposti per una piena esperienza estatica di chi se la trova di fronte. 

Quarant’ anni insieme, da registi, attori, spettatori, creatori-fotografi e fotografati: Gilbert Prousch, italiano di Bolzano, 64 anni, e George Passmore, 65 anni, originario del Devonshire. Hanno iniziato a lavorare insieme da studenti alla St.Martin’s School of Art nel 1967. Negli anni Settanta la loro fase in bianco e nero, caratterizzata da serie di piccole opere. Poi la comparsa del colore come “bold color” negli anni Ottanta in tele su scala monumentale. Il risultato è “Art for all”, così la hanno definita, nessuna remora nell’utilizzo dei materiali: sangue, sperma, colori, carta e feci. E nessun limite tematico, la realtà va riprodotta in toto, va ricostruita nella sua interezza, nella sua scabrosità. In questo essere spavaldamente creatori, il loro esser profano diviene simile al sacro, terrorizza.

Vietato l’ingresso ai minori di 14 anni, questo è scritto all’ingresso del Castello, perché?

Perché nessuno è abituato a vedere le cose come stanno. Un cocktail acido e dolce, amaro e frizzante di emozioni. Sensazionali sentimenti pervadono l’osservatore, messo in bilico tra il sorriso dilagante ed il senso di vomito nauseante. Sesso, droga, guerra, AIDS, terrorismo, borghesia raffinata e fredda, violenza, ingiustizia, moda, risi e sorrisi: è in scena uno specchio dei nostri giorni.

  Museo d’Arte Contemporanea Castello di Rivoli, fino al 13 gennaio 2008Aperto da martedì a giovedì dalle 10 alle 17, da venerdì a domenica dalle 10 alle 21Chiuso il lunedì Ingresso euro 6,50,Info 011.9565220, http://www.castellodirivoli.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: